Pastiera napoletana (versione con crema pasticcera)

Parlando con varie persone, ho scoperto che esistono varie versioni della stessa ricetta (giustamente), in questo caso della pastiera. E chi non la conosce, ormai? Il dolce è diventato famosissimo, a Napoli e in Campania è il simbolo della Pasqua, ma ogni famiglia, ogni paese, ha la sua ricetta segretissima per prepararla. Quella di mia madre, è con la crema… Dopo potrete solo morire di diabete, ma ne sarà valsa la pena!

Ingredienti:
X28 cm di teglia

Base frolla:

  • 500 gr di farina 00
  • 200 gr di strutto (o burro)
  • 3 uova
  • 200 gr di zucchero
  • Scorza di 1 limone bio
  • 1 cucchiaino di limoncello
  • 1 pizzico di sale

Per la crema pasticcera:

  • 4 uova
  • 500 ml di latte
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 4 cucchiai di farina

Per il grano:

  • 150 ml di latte
  • 40 gr di burro o strutto
  • 1 Buccia di limone grattugiato
  • 580 gr di grano cotto

Per il ripieno:

  • 5 uova intere (dividere albumi e tuorli, montare a neve gli albumi)
  • 2 tuorli
  • 2 cucchiai di limoncello
  • 500 gr di ricotta di pecora
  • 500 gr di zucchero bianco
  • Due manciate di canditi (a piacere)

Tempo di preparazione: 40 minuti
Tempo di riposo: 30 minuti
Tempo di cottura: 120 minuti

Preparazione.

Per la pasta frolla. In una ciotola capiente, mescolate insieme 500 gr di farina, 1 pizzico di sale, la scorza di un limone e 200 gr di zucchero. Unite 200 gr di strutto (o burro), fino ad ottenere un composto sabbioso. A questo punto, aggiungete 3 uova leggermente sbattute e 1 cucchiaino di limoncello. Lavorate fino ad ottenere un panetto bello compatto e lasciate riposare in frigo per almeno 30 minuti.

Per la crema pasticcera. In una casseruola, sbattete 4 tuorli con 4 cucchiai di zucchero e la buccia del limone grattugiata, fino a quando non avrete ottenuto un colore ben chiaro. Unite 4 cucchiai di farina e, poco a poco, 500 ml di latte freddo. Ponete, a questo punto, su un fiamma bassa e, sempre rimescolando, lasciatela bollire almeno 5 minuti. Girate e lavorate fino a quando la crema non sarà diventata ben soda, quasi dura. Lasciate raffreddare.

Per il grano. Versate 580 gr di grano già cotto in una casseruola, amalgamate, su fiamma bassa, con 150 ml di latte e la scorza grattugiata di un limone. Unite, infine, il burro e mescolate fin quando non si sarà sciolto e ben amalgamato al composto. Lasciate raffreddare.

Per il ripieno. Dividete 5 uova e montate a neve gli albumi. Frullate 500 gr di ricotta di pecora con 7 tuorli, 2 cucchiai di limoncello e 500 gr di zucchero bianco. Unite, con una spatola, i bianchi d’uovo montati a neve, con un movimento dall’alto verso il basso, fino ad ottnere una bella crema morbida e cremosa. A piacere, una volta che tutto si sarà ben amalgamanto, unite due manciate di canditi (a me piace il cedro!). Vi dò un’altra dritta: la ricetta originale prevede di utilizzare l’aroma millefiori, difficile da reperire, ma, come mia zia suggeriva, i dolci fatti in casa si fanno con ciò che si ha in casa!

Comporre il ripieno. Amalgamate il frullato con il composto a base di grano e la crema pasticcera, girando molto bene. Un suggerimento: unite un cucchiaio alla volta di ogni composto, in modo da riuscir a mescolare in maniera più omogenea la crema.

Comporre la pastiera. Accendete il forno e portatelo a 180°. Ungete di strutto (o burro) una teglia di 28 cm di diametro e alta 6 cm e foderatela con la pasta frolla, in modo da arrivare fino ai bordi, avendo cura di conservarne un po’ per decorare la superficie. Versate il composto di crema, livellandolo con una spatola o con un cucchiaio bagnato e decorate la superficie con strisce strette 1.5 cm di pasta frolla, formando un graticcio. Infornate per circa 120 minuti. Lasciate raffreddare bene nello stampo e, prima di servire, cospargete di zucchero a velo.

Precedente Geek Chicken: i tortini al limone di Sansa (lemon cake) #got Successivo Pizza piena (o chiena!)

4 commenti su “Pastiera napoletana (versione con crema pasticcera)

  1. E’ bella e buona, bravissima la tua mamma, un abbraccio cara, oggi l’ho fatta anche io, quella tradizionale, scrivo la ricetta, tanti baci cara, <3

Lascia un commento