Geek Chicken: paczki & burrobirra #Animali Fantastici

Circa 2 anni fa usciva nelle sale Animali Fantastici e dove trovarli, prequel della più celebre saga di Harry Potter. Io, da grande appassionata del giovane maghetto, ovviamente sono andata al cinema.

Harry, non è il momento nè il luogo per scrivere le recensioni.

Il 15 novembre di quest’anno, invece, è uscito il seguito. Ancora non ho avuto modo di vederlo, ho ascoltato qualche commento dagli amici. Ma ho avuto subito un’idea: perchè non preparare qualcosa riferito al mondo magico? Ogni babbano ha sempre desiderato assaggiare le deliziose pietanze presenti in Harry Potter e, Animali Fantastici, non è stato da meno con i suoi favolosi Paczki, lo strudel di mele di Queenie Goldstein e i cicchetti di acquallegra. Ovviamente, non poteva mancare la burrobirra, sogno di qualsiasi bambino! Ho sperimentato tantissime ricette e varianti di questa bevanda, fino a trovarne una perfetta per la rubrica, consigliatissima!

Per quanto riguarda i packzi, ricetta segretissima della nonna del povero Jacob, un babbano che si ritrova suo malgrado con una valigetta piena di animali fantastici, ho dovuto faticare un po’ di più: ricetta polacca tipica del Martedì Grasso, farcita con una delicatissima marmellata di rose. Ovviamente, in mancaza di questa, da sostituire con marmellata di frutti rossi. Io, casualmente, ho avevo un barattolino, regalo dei miei di ritorno proprio dalla Polonia!

Beh, finite le chiacchiere (e le gif che avevo scaricato), vi consiglio di prendere il vostro cappello da maghi, la bacchetta di sambuco e di immergervi in pieno nella preparazione di questa ricetta!

Burrobirra

Ingredienti:
x 6 – 8 persone

  • 1500 ml di birra chiara dal gusto delicato
  • 5 bianchi d’uovo (o 125 ml di panna da montare)
  • 200 gr di zucchero di canna
  • 1/2 cucchiaio di noce moscata grattugiata
  • 1/2 cucchiaio di chiodi di garofano
  • 1/4 cucchiaio di zenzero in polvere
  • 100 gr di burro

Tempo di preparazione: 5 minuti
Tempo di cottura: 10 minuti
Tempo di riposo: 30 minuti

Preparazione:

Versate in una pentola dal fondo spesso e molto alta 1500 ml di birra chiara e unite 200 gr di zucchero di canna, 1/2 cucchiaio di noce moscata tritata, 1/2 cucchiaio di chiodi di garofano e 1/4 di cucchiaio di zenzero in polvere e mescolate per bene. Ponete sul fuoco, a fiamma molto bassa e mescolate per bene, fin quando tutto lo zucchero non si sarà completamente sciolto. Quasi vicino all’ebollizione, spegnete il tutto e lasciate raffreddare, in modo che le spezie insaporiscano l’alcol.

Versate 5 albumi nella birra, ponete di nuovo sul fuoco e fate cuocere fin quando gli albumi non si saranno gonfiati, creando una sorta di schiuma. Spegnete immediatamente e, con un cucchiaio, versate accuratamente la schiuma così ottenuta in 6 bicchieri.

Sciogliete, nella birra ancora calda, l’ingrediente principale di questa bevanda: 100 gr di burro! Versate la birra nei boccali e bevete!

Una versione alternativa, che abbiamo tutti preferito, è con la panna montata. Si tratta solo di montare la panna e, invece di decorare con gli albumi, di utilizzare la panna montata creando una schiuma, decorando semplicemente con una sac à poche ogni bicchiere.


Paczki

Ingredienti:
x 6 – 8 persone

  • 425 ml di latte tiepido
  • 1 panetto di lievito di birra (o 2 bustine di lievito secco)*
  • 150 gr di zucchero a velo + quello necessario per spolverizzare
  • 750 gr di farina + 150 (se necessari)
  • 1 uovo intero
  • 4 tuorli
  • 1 cucchiaino di essenza di vaniglia
  • 50 gr di burro
  • 1 litro di olio per friggere
  • Confettura di rose (o di frutti rossi)

Tempo di preparazione: 30 minuti
Tempo di riposo: 3 ore
Tempo di cottura: 15 minuti

Preparazione:

In una ciotola capiente, sciogliete un panetto di lievito di birra fresco in 425 ml di latte tiepido, mescolando con cura. Coprite per bene e lasciate riposare per 5/10 minuti, fin quando sulla superficie del composto non si saranno formate delle bolle.

Unite 300 gr di farina, poco alla volta, mescolando con cura, fin quando non si sarà incorporato per bene e non ci saranno grumi nell’impasto, simile a un impasto per i pancake (ovvero ben liscio ed omogeneo). Ricoprite nuovamente con cura, ponete in un luogo caldo e lasciate riposare per 30 minuti circa. L’impasto dovrà essere bello gonfio e pieno di bolle, una volta ripreso. Avrete così ottenuto un primo impasto, chiamato comunemente lievitino o biga.

Con uno sbattitore elettrico, lavorate per circa 3 minuti 1 uovo intero con 4 tuorli, fin quando non si saranno gonfiati. Unite 150 gr di zucchero, 1 cucchiaino di vaniglia e 1 pizzico di sale e lavorateli insieme fin quando non si saranno ben amalgamati. Versate poco alla volta all’interno del lievitino e mescolate per bene, unite 50 gr di burro sciolto e lavorate fino a quando non si sarà tutto ben mescolato.
Incorporate, dunque, la farina rimasta, unitela poco alla volta, a seconda della marca utilizzata e della forza della farina, potrebbe servirne più o meno di quella indicata. Lavorate fin quando l’impasto non si staccherà con facilità dalle mani e dalla ciotola. Lasciate riposare per almeno 2 ore (o fino a raddoppio dell’impasto).

Stendete l’impasto con un’altezza di almeno 1 cm e mezzo e ricavate tante formine, ritagliando la pasta con dei coppapasta rotondi di circa 5-6 cm. Lasciate lievitare anche questi per circa 30 minuti.

Riscaldate 1 litro di olio per friggere, temperatura raccomandata 170° – 175° circa*. Friggete un paio di paczki alla volta, ruotandoli spesso. Scolateli con cura su carta assorbente da cucina e cuoceteli tutti.
Mentre sono ancora caldi, passateli velocemente nello zucchero a velo da ogni lato, poi bucateli con una sac à poche e farciteli con confettura alle rose (o del gusto che preferite, ma è consigliata una ai frutti rossi). Servite ben caldi, morbidi e profumati!

Si conservano per due – tre giorni in un contenitore ermetico in un luogo fresco e asciutto (non in frigo, altrimenti diventeranno duri).


*lievito: Se utilizzate il lievito in polvere: a seconda della marca che utilizzerete, il lievito potrebbe metterci più tempo o meno tempo a far crescere la vostra creazione: vi consiglio di toccare un lato del panetto: se toccandolo questo torna subito su, allora l’impasto è pronto, altrimenti riscaldatelo ancora avvolgendolo con delle coperte o mettendolo in un luogo caldo. L’impasto dovrà aver triplicato il suo iniziale volume.

*un luogo caldo potrebbe essere accanto ai termosifoni, il caminetto. Se non possedete nulla di tutto ciò, potete riscaldare il forno alla temperatura minima per circa 5 minuti e, dopo aver ricoperto per bene il vostro panetto con uno strofinaccio, metterlo ben nel forno fino a quando non sarà lievitato.

*la biga è una tecnica indiretta per ottenere un pane simile a quello ottenuto col lievito madre, ma senza per questo dover avere un coltura di lievito da rinfrescare.

*170° – 175° circa: la pentola da utilizzare dev’essere molto ampia, con un fondo molto spesso, in modo da non bruciarli. La temperatura dell’olio deve rimanere costante, la fiamma al di sotto della pentola dovrà essere bassa, non alta come con altre cotture, perché il dolce deve colorarsi lentamente, in modo da poter continuare la sua lievitazione e cuocersi all’interno. Fate una prova gettando un po’ d’impasto prima di cuocere tutti i dolci all’interno dell’olio bollente: nel caso questo dovesse scurirsi subito, l’olio è troppo caldo e dovrete farlo raffreddare un po’. 


Il blog è anche su FACEBOOK!
Il blog è anche su TWITTER!

Precedente Torta di mele & noci Successivo 10 cose da sapere sulle castagne

4 commenti su “Geek Chicken: paczki & burrobirra #Animali Fantastici

  1. che dolcetti golosi! e della burro birra non avevo mai sentito parlare, sarei curiosissima di assaggiarla, è una proposta davvero originale 🙂

    • Per questa mi sono impegnata, infatti ho scritto anche tutti i consigli e suggerimenti che ho ricevuto durante la preparazione XD soprattutto sull’atto finale della frittura O:

Lascia un commento :)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.