Geek Chicken: KFC fried chicken #Green Book

Come già detto in precedenza, sono una grande appassionata di cinema e, quindi, la notte degli Oscar è per me ormai una serata importante! Cerco di vedere quanti più film possibili candidati e, tra quelli che hanno un po’ di cibo da presentare, c’è sicuramente Green Book. Viggo Mortensen, nei panni di Tony Lip, non fa altro che mangiare per tutta la durata del film: direi da bravo italiano!


Kentucky Fried Chicken… in Kentucky! When’s that ever gonna happen?!
TONY LIP, GREEN BOOK

Green Book in pillole: l’italo americano Tony Lip si trova senza lavoro dopo la chiusa del locale in cui lavora come buttafuori. Viene segnalato come guardia del corpo/autista del famoso pianista e compositore Don Shirley. Il film ha vinto gli Oscar di miglior film, attore non protagonista e sceneggiatura originale.

Ingredienti:
x2 persone

  • 10 pezzi di pollo (cosce, ali, petto…)
  • 250 ml di latticello (latte con qualche goccia di limone)
  • 200 gr di farina 00
  • 1 cucchiaino di sale fino
  • 1 cucchiaino di pepe nero
  • 1 cucchiaino di basilico secco
  • 1 cucchiaino di aglio in polvere
  • 1 cucchiano di origano in polvere
  • 1/2 cucchiaino di zenzero in polvere
  • 4 cucchiaini di paprika
  • 1 cucchiaino di timo secco
  • Olio per friggere q.b.

Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di riposo:
1 ora +
Tempo di cottura:
12 minuti

Preparazione:

Ponete i pezzi di pollo in una ciotola ben capiente e ricoprite il tutto con 250 ml di latticello. Coprite con della pellicola per alimenti e lasciate riposare almeno per un’ora (o anche tutta la notte).

In un’altra ciotola, mescolate insieme 200 gr di farina e tutte le spezie, compreso il sale. Nel frattempo, preparate una pentola dal fondo spesso e ben capiente, in cui andrete a versare almeno 3 dita d’olio e riscaldate per bene: la temperatura dovrà essere di 180°.

Scolate il pollo dal latte e passatelo nella farina, premendo per bene sulla superificie per far aderire bene l’impanatura. Immergete il pollo nell’olio bollente e cuocete ogni pezzo per circa 12 minuti o fino a quando non si saranno ben dorate (ovviamente, andando avanti con la cottura, la temperatura dell’olio sarà più calda e le alette cuoceranno in minor tempo!). Fate molta attenzione a questa operazione.

Spolverate le alette con un po’ di sale fino, in modo da insaporirle ulteriormente e servite ben calde, accompagnate da tante salse o da una semplice fettina di limone da spremerci su.

Precedente L’angolo del tè: cocktail al cioccolato Successivo 10 cose da sapere sul cioccolato

Lascia un commento