Danubio salato alle castagne e speck

Il danubio salato è così famoso che perfino io l’ho rifatto più e più volte! Ma, nella sua versione autunnale, devo dire che è la mia preferita!
E qual è la versione autunnale di un danubio?
Con le castagne, ovviamente!

Ovviamente sarebbe autunnale anche con la zucca, ma la zucca si può mangiare anche in inverno, quindi no, castagne!



Altre ricette:
Danubio salato alle castagne e olive
Danubio con salumi e formaggi
Danubio ripieno di marmellata

  • DifficoltàMedia
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioniteglia da 28 cm
  • CucinaItaliana

Ingredienti

560 g farina 00 (di tipo debole)
250 ml latte (tiepido)
2 uova
70 g burro (da fondere)
1 bustina lievito di birra secco
2 cucchiaini zucchero
10 g sale
350 g castagne, bollite
150 g speck
75 g formaggio (morbido)
1 uovo (sbattuto, per spennellare)

Strumenti

Passaggi

Per la pasta. Riscaldate leggermente 125 ml di latte e unite 1 bustina di lievito di birra secco (se utilizzate il lievito di birra fresco, ne bastano 6 gr), e fate sciogliere come consigliato dalla confezione (solitamente ci vogliono 10 minuti di riposo: ve ne accorgerete perché il composto inizierà a schiumare).

Nel frattempo, sciogliete a fiamma bassissima 70 gr di burro e riscaldate gli altri 125 ml di latte.
In una ciotola capiente, versate 350 gr di farina 00, le 2 uova leggermente sbattute e 10 gr di sale, iniziando a mescolare. Versate il burro fuso e i 125 ml di latte tiepido e continuate ad amalgamare. Quando il lievito si sarà ben sciolto e avrà iniziato a fermentare, unitelo all’impasto e lavoratelo per almeno 10 minuti, in modo da far attivare per bene il lievito e ottenere un composto ben sodo. Quando questo si staccherà facilmente dalle mani, sarà pronto.
Create un panetto e, se volete, incidetelo leggermente con un coltello. Copritelo con un canovaccio e mettetelo a lievitare in un luogo caldo*.

*un luogo caldo potrebbe essere accanto ai termosifoni, il caminetto. Se non possedete nulla di tutto ciò, potete riscaldare il forno alla temperatura minima per circa 5 minuti e, a forno spento, dopo aver ricoperto per bene il vostro panetto con uno strofinaccio, metterlo ben nel forno fino a quando non sarà lievitato.

Per il ripieno. Tritate grossolanamente 350 gr di castagne bollite, 150 gr di speck. Tagliate in piccoli cubetti 75 gr di formaggio morbido. Mettete il tutto in una ciotola capiente, salate leggermente e mescolate per bene.

Una volta che il vostro panetto sarà lievitato, triplicando la sua dimensione iniziale, iniziate a farcirlo. Foderate una tortiera del diametro di 28 cm con della carta forno.

Formate tante palline da circa 50 gr l’una, stendetela bene con le mani per aprirla e create una coppa con le mani, al cui centro metterete la pasta, riempitela con una cucchiaiata di ripieno e poi richiudete il dischetto accuratamente, dandogli la forma di una pallina.

Iniziate a disporre le vostre palline con la chiusura rivolta verso il basso e disponetele a raggiera lungo tutto il perimetro della tortiera, lasciando un po’ di spazio da una pallina all’altra, fino a riempire tutto lo spazio.

Ricoprite di nuovo con un canovaccio, mettete in un posto caldo e fate lievitare per un’altra ora. Una volta che anche le palline avranno occupato tutto lo spazio nella teglia e avranno raddoppiato il loro volume, sbattete un uovo, prendete un pennellino e ungete tutta la superficie del rustico.

Accendete il forno a 200° e lasciatelo riscaldare per qualche minuto. Mettete in forno quando sarà ben caldo e lasciate cuocere fino a quando la superficie non si sarà dorata. Potete provare a bucare una pallina con uno stuzzicadente per vedere se è cotta anche all’interno. Tirate fuori dal forno, fate raffreddare e poi servite.

Puoi seguirmi anche sulla mia pagina facebook La piccola quaglia o sul mio canale instagram Lapiccolaquaglia.

Le mie rubriche: i sani venerdì, i menù fuori casa (per i pranzi al sacco!), l’angolo del tè (gustose ricetta con un ingrediente speciale, indovinate un po’ quale!), geek chicken (ricetta da film, libri, telefilm e altro ancora)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.