Crea sito

Spaghetti cinesi alle verdure

Nel giorno del capodanno lunare, i cinesi usano mangiare piatti composti da cibo ripieno, dolci della luna e… Spaghetti!

Per quanto riguarda gli spaghetti cinesi, sono chiamati comunemente “mian”. Sarebbero quelli che tutti chiamano noodles, cioè spaghetti lunghi. Perché sono spaghetti lunghi? Indicano la longevità, speranza di una vita lunga: difatti vengono mangiati anche nel giorno del proprio compleanno.

E sapete quali sono i caratteri che compongono il loro nome?
长寿面 Chángshòu Miàn (dove la g non si pronuncia, è nasale) che significa: 长 lungo, lunghezza; 寿 lunga vita, longevità, 面 spaghetti (ma va).
Mi raccomando: non spezzate gli spaghetti, altrimenti attirerete la malasorte su di voi! (e una nonna cinese che verrà a picchiarvi)



Altre ricette:
Tangyuan (polpette dolci ripiene)
Baozi (panini cotti al vapore ripieni)
Jiaozi (ravioli al vapore)
Guotie (o gyoza, ravioli alla piastra)

  • DifficoltàMolto facile
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4
  • CucinaCinese

Ingredienti

  • 380 gspaghetti (all’uovo)
  • q.b.acqua
  • 2carote
  • 1zucchina
  • Mezzoporro
  • 10 gzenzero (radice)
  • 4 cucchiaiolio di semi
  • Mezzopeperone
  • 2 cucchiaisalsa di soia
  • 1 cucchiaioaceto balsamico (o aceto di riso)
  • 2 fogliecavolo verza

Preparazione

  1. Per preparare gli spaghetti cinesi alle verdure, per prima cosa iniziate a lavare e sbucciare le verdure: mondate le due carote e 10 gr di radice di zenzero. Lavate con cura mezzo peperone, privatelo di tutti i semi. Lavate anche 1 zucchina e le 2 foglie di cavolo verza.
    Tagliate tutte le verdure per il lungo, ottenendo delle strisce: in questo modo sarà più facile mangiarle con gli spaghetti cinesi!

  2. In una wok (è un tegame che si utilizza nella cucina cinese, ed est – asiatica in generale), ponete 3 cucchiai colmi di olio di semi (l’olio d’oliva ha un sapore molto forte, quindi vi consiglio di utilizzare un olio delicato come quello di mais, altrimenti arachidi) e fate soffriggere al suo interno mezzo porro tritato finemente.
    Unite anche 10 gr di zenzero ben pulito e tagliato in pezzi grossi (in modo da poter essere eliminato: è molto piccante!).

  3. Unite le carote e il peperone tagliato in strisce e fate cuocere per qualche minuto.
    Aggiungete anche la zucchina e sfumate con un cucchiaio abbondante di aceto balsamico (che ha un sapore che ricorda vagamente quello di riso)

  4. Fate saltare in padella le verdure e, nel frattempo, portate ad ebollizione abbondante acqua non salata e cuocete gli spaghetti cinesi (che sono spaghetti di farina 00 e uova, comunemente chiamati noodles e conosciuti soprattutto per la variante giapponese istantanea).

  5. spaghetti cinesi

    Con un forchettone, prendete gli spaghetti e poneteli nella wok e fate saltare per qualche minuto per far amalgamare con le verdure. Unite 2 cucchiai (o più, se volete un piatto più saporito) di salsa di soia e fate saltare ancora per qualche minuto.
    Spegnete e lasciate qualche secondo a riposare. Prendere 1 cucchiaio di olio di semi e versate sui vostri spaghetti.
    Servite bollente e condite con la salsa rimanente sul fondo!

Note.

Oltre a queste verdure, potete unire anche dei funghi shitake essiccati, che potete ravvivare con acqua bollente e 1 cucchiaino raso di zucchero, ben sciolto.

2 Risposte a “Spaghetti cinesi alle verdure”

  1. Sei ferratissima sulla cultura e sulla cucina orientale, complimenti davvero. Adesso corro farmi i noodles per pranzo… Si sa mai che i Cinesi abbiano ragione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.