I sani venerdì: bruschette di fave e pancetta

Sani venerdì non vuol dire ricette tristi e dietetiche, ma bensì mangiare bene e sano! E queste due parole non sempre vogliono dire ricette tristi! Ed è per questo che sono rimasta un po’ bloccata con questa rubrica, perché cercavo ricette tristi e sane, quando invece bisogna mangiare bene e in maniera felice: ecco la ricetta di oggi, sconsigliata a chi è allergico alle fave 😛

Ingredienti:
x4 persone

  • 8 fette di pane casereccio
  • 200 gr di fave già sgusciate
  • 50 gr di pancetta tesa
  • 100 gr di ricotta vaccina
  • Erba cipollina fresca q.b.
  • Qualche foglia di menta
  • Sale q.b.

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 15 minuti

Preparazione:

Riscaldate una pentola piena d’acqua e, quando arriverà ad ebollizione, salate a piacere e tuffateci dentro le fave e fatele scottare per massimo 5 minuti. Scolatele e tenetele da parte.

Tagliate la pancetta a piccoli pezzi e poneteli in una padella e fate rosolare assieme alle fase. Unite l’erba cipollina tritata e la menta, fate cuocere per un paio di minuti e iniziate e preparare le bruschette.

Tostate il pane in una padella antiaderente (o in forno), spalmatele con la ricotta. Con un cucchiaio, cospargete le fave e la pancetta su ogni bruschetta e servite!

ilaria


Le fave hanno sopratutto proprietà diuretiche, viene consigliata anche nella cura delle infiammazioni delle vie urinarie e di tutte le malattie connesse. Ha anche proprietà astringenti e antispatiche.


Con questa ricetta partecipo al contest di Profumo di biscotti, odore di felicità: le ricette veloci

contest

<

p style=”text-align:left”>Il blog è anche su FACEBOOK!
Il blog è anche su TWITTER!

Precedente Mousse di zafferano e panna cotta alle rose con croccante alle mandorle Successivo Risotto con asparagi e salsiccia

38 thoughts on “I sani venerdì: bruschette di fave e pancetta

  1. Pingback: Contest: le ricette veloci | Profumo di biscotti, odore di felicità

  2. buonissime, mi piacciono tantissimo. Prima preparavo le fave da mangiare con la pasta o come contorno, ma ultimamente le uso per le insalate, le bruschette, in padella con altre verdure. Le ho riscoperte.

  3. Con le fave e la pancetta ho fatto un primo ma confesso che non avevo mai pensato a delle bruchette la trovo una bella idea con l’aggiunta di ricotta anche più ricche, viva le ricette buone e felici 😉

  4. Ottima idea e concordo pienamente, anche io spesso mi blocco; dieta/sano =triste 🙂 Complimenti per il tuo blog e continuerò a dare una sbirciata alle tue ricette.
    Un abbraccio,
    Nena

  5. Miiiiiii piaceeeee se ti muovi… mi piace quel che muovi e allora….. muovi. Ottima idea tesoro… sani non significa tristi.. ma manco imbevuti di fritto… eh eh eh… ultimamente la bruschetta è diventato un pasto settimanale.. comodo veloce e gustoso… mi aiuta anche a finire il pane che faccio nel week end.. così da non doverlo sprecare

  6. Io quest’anno ho avuto la triste sfortuna di trovare le fave amarissime. E mi erano pure costate un tot 🙁 Però ne ho di surgelate per le tue allegre e sane bruschette!

    • Sai che è capitato anche a mamma e papà? Quando sono scesi in Calabria hanno comprato delle costosissime fave e mi hanno detto che erano orribili… Io per fortuna le ho beccate sempe buone!! Prova, prova! Piacciono perfino a me che non amo le cotte XD

  7. Esagerare è sempre sbagliato, su questo non ci sono dubbi, ma visto che prima o poi dovrò morire, almeno qualche soddisfazione a tavola me la prendo volentieri!
    Uniamoci compatti tutti insieme per dire NO alla tristezza nei piatti e SI ad una alimentazione equilibrata ma pure gustosa, che se devo vivere mangiando cartone e polistirolo, tanto vale….

Lascia un commento :)