Fagottini ripieni di melagrana

Prima che per l’ennesima volta finisca la stagione della frutta in questione, ecco una ricetta davvero buonissima: io l’ho preparata con delle melagrane che arrivano dalla Calabria, ma sono quelle che trovate sui banchi del fruttivendolo con la scritta “Medio Oriente”: essì, lì il frutto è molto più succoso, il seme così piccolo da sembrare inesistente ed è così dolce che vien voglia quasi di prendere a morsi anche la buccia!

fagottini-melagrana-3

Quindi ho deciso di usarla in questi deliziosi fagottini, che sono semplicissimi da preparare e si mangiano che è una bellezza: uno dietro l’altro!

Ingredienti:

Per la pasta frolla:

  • 300 gr di farina 00
  • 100 gr di burro
  • 2 uova leggermente sbattute
  • 100 gr di zucchero bianco
  • 1 pizzico di sale
  • ½ bustina di lievito vanigliato per dolci
  • La scorza grattugiata di un limone o di un’arancia non trattata

Per il ripieno:

  • 1 melagrana senza semi

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di riposo: 30 minuti

Tempo di cottura: 10 – 15 minuti

Preparazione:

In una ciotola capiente, versate la farina e lo zucchero. Tagliate a pezzi il burro e impastate insieme alla farina fino a quando non avrete un composto farinoso. Unite a questo punto le uova e lavorate con le mani fino a quando l’impasto sarà diventato compatto (quando non si attaccherà più alle dita), rendetelo un panetto.

Avvolgetelo nella pellicola e poi in frigo per circa 30 minuti.

Preriscaldate il forno a 180°.

Stendete la pasta su una spianatoia infarinata e coppate tanti cerchietti di circa 9 cm di diametro. Ponete un cucchiaino di chicchi di melagrana all’interno di ogni cerchietto e poi richiudeteli su loro stessi, chiudendo i bordi con una forchetta. Sistemate i fagottini in una teglia foderata di carta forno e fate cuocere in forno caldo per circa 10 – 15 minuti. Quando saranno ben colorati sul fondo, sono pronti!

Lasciate raffreddare e poi servite! Si conservano benissimo anche fino a una settimana in un contenitore ben chiuso ermeticamente.

fagottini-melagrana-2

ilaria

Il blog è anche su FACEBOOK!
Il blog è anche su GOOGLE+!
Il blog è anche su TWITTER!

Precedente Spaghetti con colatura di alici su letto di rucola Successivo Crostata con marmellata di amarene

75 thoughts on “Fagottini ripieni di melagrana

  1. Spettacolo…. brava ilaria.. io cmq mangio ogni anno melograne dell’albero di mio padre che sta nel salento…. è di una dolcezza sublime… che non comprerei quelle sui banchi mai e poi mai… tantomeno se arrivano dal medio oriente. La mia preoccupazione maggiore x questo argomento diventerà la perdita di mio padre… ed allora come farò? !?!?! Sono già in crisi… ehehhe dai scherzo un pochino… al max prendo in mano e faccio la campagnola fra qualche anno ^.*

    • la liquirizia è fantastica altro che bleah!! io mi ero ripromessa di provare a farla ma l’ultima volta ero combattuta tra i the da acquistare e alla fine ho ceduto sui verdi, piuttosto che sui neri.
      Ma ovviamente, non escludo di acquistare in futuro, anzi questa potrebbe essere la motivazione giusta!

  2. Qui sono finiti da un pezzo, aspetterò i miei il prossimo anno per prepararli, ma la frutta non ammorbidisce la pasta se non li mangi subito?

  3. Non sapevo esistesse il melograno senza semi, fantastico! Adoro questo frutto, ne faccio anche la spremuta e il succo è buonissimo, ho l’albero in giardino, ma non tutti gli anni fa tanti frutti, e non sono senza semi, comunque! 😀 😀 😀

  4. Sto aspettando che i limoni delle mie piante siano maturi per poter iniziare a grattuggiare scorze senza paura e infornare come se non ci fosse un domani, mi fido poco della frutta che si acquista se escludiamo l’omino che viene a portarmela a casa che ha i frutteti e l’orto….Ma li si vede che i prodotti non sono trattati, non sono perfetti e lucidi al punto da poterti pettinare guardando una mela!

Lascia un commento :)