Madeleine

Le madeleine sono diventata famose in tutto il mondo per un’opera letteraria, Alla ricerca del tempo perduto, di Proust. Io personalmente lo guardo ogni volta in libreria, ma non ho il coraggio né di comprarlo né di leggerlo! Anche perché, all’inizio questi dolci non mi sono mai piaciuti: quelli comprati hanno un sapore chimico 🙁

madeleine-7

E quindi capirete il mio stupore nello scoprire che in realtà sono davvero buonissimi! Mi hanno letteralmente conquistata! Quindi sono straconsigliati 😀

Ingredienti: x24 dolcetti

  • 3 uova
  • 100 gr di zucchero
  • 200 gr di farina 00
  • 150 gr di burro
  • La scorza di un limone edibile
  • 1/2 bustina di lievito in polvere per dolci

madeleine-1

Tempo di preparazione: 15 minuti

Tempo di riposo: 1 ora

Tempo di cottura: 10 minuti

Preparazione:

Rompete le uova in una ciotola e sbattetele energicamente con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro. Sciogliete appena il burro e unitelo alle uova, poi incorporatevi la farina, il lievito e la scorza di limone grattugiata. Fate riposare l’impasto in frigorifero per un’ora.

Preriscaldate il forno a 220°.

Riempite gli stampini (imburrati e infarinati) con l’impasto, infornate per 5 minuti, poi abbassate la temperatura a 180° e proseguite per altri 5 minuti. Sformate le madeleine e fatele raffreddare per bene su una gratella per dolci.

Consiglio: affinché le madeleine risultino ben gonfie, preparate l’impasto il giorno prima e fatelo riposare una notte intera in frigo.

ilaria

Il blog è anche su FACEBOOK!
Il blog è anche su GOOGLE+!
Il blog è anche su TWITTER!

Precedente I sani venerdì: insalata invernale di spinaci Successivo Ciambella ananas e cocco

76 thoughts on “Madeleine

  1. Pingback: Madeleine Francesi || Content – Ricette da coinquiline | Please Another Make up by lellaj1005

  2. Devo farle, mio marito ne va matto, non ho scuse. Bisogna solo avere il coraggio di andar giù pesante di burro. Quanto a Proust, sono sette libri e i primi due si leggono molto bene, pensaci 🙂

  3. ARGH uffa io non le ho mai mangiate, ecco ti pareva, e si che ho anche un mini stampo in silicone per farle piccine piccine….
    Però ho anche io il lievito del lidl, guadagno qualche punto? No, eh?

  4. Ho sempre pensato che ci fosse un sapore di mandorle nelle madeleines, ma vedo che negli ingredienti non c’è nulla che assomigli neanche vagamente alle mandorle … forse c’è in quelle preparate industrialmente, chissà cosa ci mettono … pensare che io le trovo buone comunque! Adesso penso che non le mangerò più e proverò la tua ricetta, che mi sembra eccezionale. Bravissima, come sempre! 😀

  5. sai che ho gli stampi che si lamentano perchè sono stati usati una sola volta e per quelle salate,qualche giorno mi decido e li preparo dolci, mi scoraggia la quantità, non so se si conservano per qualche giorno.

    • Anche a una mia vecchia coinquilina piacevano moltissimo, infatti era sempre felicissima quando le portavamo queste cose dal supermercato, però a me personalmente non son mai piaciute (buon per lei!)

  6. Hai ragione, quelli comperati ti lasciano in bocca un retrogusto persistente e non te ne liberi facilmente 😉 Io le ho fatte solo salate ma proverò queste dolci, si, queste perchè se tu ti fidi di me, io mi fido di te <3 Buona domenica. Io di Proust ho letto solyanto "Un amore di Swann" quand'ero adolescente 🙂

Lascia un commento :)