I sani venerdì: zucca in savor

Questa settimana  non vedevo l’ora che arrivasse il venerdì! Dormirei tutto il week-end, se non fosse che ho da fare anche allora >.< basta! Quindi questa settimana ho deciso di mostrarvi una ricetta che mi ha invitato Libera, che ho preparato per papà e che abbiamo apprezzato moltissimo entrambi!

zucca in savor (11)

Il savor – o saor – era un tipico metodo di conservazione dei cibi che utilizzavano i pescatori veneziani. Secondo alcune storie, questo metodo sarebbe stato portato a Venezia da alcuni ebrei rifugiati e poi diffusa tra la popolazione. Venezia, essendo una delle più potenti città marinare italiane, aveva a disposizione l’utilizzo di moltissime spezie, infatti col tempo la ricetta originale si è modificata tantissimo, con aggiunte o sottrazioni di particolarità. La ricetta sicuramente più conosciuta, sono le sarde in saor (qui trovate la pagina in veneziano e qui quella in italiano)

Ingredienti:

  • 400 gr di zucca gialla invernale
  • 4 cucchiai di olio evo
  • Pepe, sale q.b.
  • 4 foglie di alloro
  • Rosmarino fresco o qualche fogliolina di salvia
  • 100 ml di vino bianco secco
  • 60 ml di aceto di vino rosso
  • 2 cucchiai di zucchero

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di riposo: 5 ore

Tagliare la zucca a fette sottili, insaporirla col sale e cuocerla in una padella con l’olio fino a quando non sarà dorata uniformemente. Pepare a piacere. Scolarla e asciugarla su carta da cucina.

Mettere la zucca con le foglie d’alloro in una pirofila per farla stare in un unico strato.

Mettere in un pentolino l’aceto rosso e quello bianco, lo zucchero, il rosmarino (o la salvia), e portare ad ebollizione.

Versare il liquido sulla zucca, coprire la pirofila e marinare almeno 5 ore. Eliminare gli odori, sgocciolare e servire fredda o tiepida irrorando con olio extravergine.


In questo caso c’è un solo ingrediente importante, la zucca! Oggi una notizia curiosa: nell’antichità si pensava che la zucca dovesse essere consumata in grandi quantità da persone con un carattere burbero, in modo da farli “stare tranquilli”.
I semi della zucca possono essere utilizzati per combattere in maniera naturale la tenia intestinale. Le foglie sono utilissime da utilizzare contro le infiammazioni della pelle, le scottature e le contusioni. La stessa cosa può essere fatta applicando la polpa ridotta in poltiglia.

-Ilaria-

SEGUITECI SU FACEBOOK!
SEGUITECI SU GOOGLE+!
SEGUITECI SU TWITTER!

Precedente Pasta frolla senza glutine e senza uova (ricetta base) Successivo Pancakes menta e cioccolato

54 thoughts on “I sani venerdì: zucca in savor

  1. Anch’io fin’ora mi sono fermata alle sarde, che mi piacciono moltissimo. La zucca pure dev’essere squisita, e non soffro di gastrite! Libera ha una fantasia sterminata.

  2. Io conosco le sarde in saor che comunque non mangio. Interessante la zucca così. Che hai combinato sta settimana, università? D:

  3. Pensa che leggo un blog bellissimo di ricette che si chiama, Sarda in saòr, 😀 (Doretta, la titolare del blog, e’ sarda e vive a Venezia, 😉 ) la zucca cosi’ mi piace tantissimo, bacioni e buon weekend, <3

Lascia un commento :)